Porte di comunicazione utilizzate da VOIspeed 6

Introduzione

Il centralino VOIspeed usa porte di comunicazione specifiche per ogni processo che richiede di ricevere/trasmettere dei dati. Per il corretto funzionamento dell’applicazione è necessario dunque evitare che le apparecchiature di rete (firewall e router) blocchino il traffico su queste porte.

ATTENZIONE: lo sblocco incontrollato delle porte nei router/firewall aziendali espone la rete ad attacchi, pertanto questa attività dev’essere eseguita da personale esperto e solo in caso di effettiva necessità. Qualora sia necessario aprire delle porte (per utenti remoti o operatori VoIP) è ASSOLUTAMENTE NECESSARIO accreditare gli indirizzi IP che contatteranno il centralino.

Disattivare ALG

Quando si utilizzano PBX VoIP come VOIspeed sfruttando il proprio router per interconnettere terminali remoti o registrarsi su account VoIP è necessario disattivare sempre la funzione SIP ALG. Inoltre è richiesto che la durata delle sessioni dinamiche NAT, siano uguali o superiori a 60 secondi. Se non si è sicuri di questi fatti è possibile questo nostro software di test ed inviarcene i risultati dopo averlo fatto girare per circa 5 minuti da una macchina della rete che naviga su internet per mezzo del router che si vuole certificare.

Piattaforma UCloud

La piattaforma UCloud è gestita direttamente da Teamsystem Communication, dunque l’accesso al centralino è sempre garantito. D’altra parte, in uscita, i telefoni posti nelle sedi delle aziende potrebbero essere bloccati da qualche firewall con policy molto strette:

Applicazione Porta/Range Protocollo Porta/range Protocollo
Terminali SIP Porta SIP1 UDP
Gateway SIP Porta Gateway SIP1 UDP
UI per PC Porta HTTP1 TCP/UDP
UI per PC (altre porte)
443 TCP 3542
80
TCP
UDP
Amministrazione Web 80 TCP 80 TCP

1NOTA: le porte di ascolto SIP in ambiente UCloud per i terminali, i gateway SIP e le UI sono diverse per ogni azienda. Pertanto occorre consultare nelle impostazioni del PBX quale siano le proprie porte. Collegarsi al menu Configurazione → Azienda e vedere nel riquadro Proprietà rispettivamente il valore del parametro Porta SIP e Porta Gateway SIP e Porta HTTP.

 

In particolare se dovessero esserci problemi di comunicazione tra interni di sedi diverse (chiamata non Peer to Peer) sarà necessario sbloccare tutto il traffico da/per l’indirizzp IP del server VOIspeed UCloud.

Nella sezione delle impostazioni generali dell’azienda è presente anche uno schema con dei suggerimenti per la configurazione corretta del proprio router/firewall.

Piattaforma On Premises

Per il funzionamento in rete locale, il firewall della macchina server dev’essere configurato per sbloccare l’applicazione pbxservice negli ambiti Pubblico, Privato, Dominio. Non è necessario di norma creare regole avanzate per porte specifiche.

Nel caso in cui ci sia bisogno di far collegare al PBX periferiche remote (telefoni e GUI), si abbia la necessità di creare una rotta WAN tra centralini o semplicemente accedere all’interfaccia di amministrazione web del centralino, sarà indispensabile aprire alcune porte sul router dietro il quale si trova il PBX.

NOTA BENE: aprire le porte del NAT del router, significa sbloccare quelle porte laddove sia attivo un firewall, e soprattutto reindirizzare le medesime porte verso l’IP privato del server VOIspeed. In altre parole è necessario instradare il traffico ricevuto dal router dal mondo esterno sulla porta X verso l’IP privato del PBX alla medesima porta X.

Di seguito vengono elencate le porte da aprire per il corretto funzionamento di VOIspeed 6 On Premises:

Applicazione Porta/Range Protocollo Porta/range Protocollo
VoIP e Terminali SIP 5060 UDP 5004-50591 UDP
GUI per PC 5063 UDP 3543 TCP
GUI HTML 5 5064 TCP/UDP 3542 TCP/UDP
Rotte WAN 5061-5062 TCP/UDP 5004-50591 UDP
Amministrazione Web 3542 TCP 3543 TCP

 

1 VOIspeed 6 alloca una porta UDP per ogni chiamata VoIP. Le chiamate che si aggiungono alle chiamate attive vengono allocate su porte a distanza +3 dalla porta corrente: ciò vuol dire che a partire dalla porta 5004 usata per la prima chiamata, la seconda chiamata occuperà la 5007, la terza la 5010, e così via (c’è poi un meccanismo che libera e ricicla le porte delle conversazioni terminate). Dunque per calcolare il range di porte da nattare va considerato il numero massimo di conversazioni contemporanee gestite dal centralino. Un criterio abbastanza attendibile è quello di prendere il numero di utenti del PBX e moltiplicarlo per 3: il valore ottenuto rappresenta una buona stima per il limite superiore del range delle porte UDP per i flussi audio. Ad esempio:

  • 10 utenti → 30 porte: range 5004 – 5034
  • 20 utenti → 60 porte: range 5004 – 5065 (occorre aumentare una porta perché la 5060 è già utilizzata per le segnalazioni)
  • 30 utenti → 90 porte: range 5004 – 5095 (occorre aumentare una porta perché la 5060 è già utilizzata per le segnalazioni)
1 Comment
  • voispeed.com | Come interconnettere due centralini VOIspeed
    Posted at 12:17h, 10 marzo Rispondi

    […] PREREQUISITI: Aprire le porte e configurare i NAT specifici per la Rotta WAN NOTA: gli utenti condivisi su una rotta WAN non possono avere lo stesso numero di interno. NOTA: non è possibile creare rotte WAN tra aziende dello stesso centralino con licenza multiazienda. […]

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi diventare rivenditore?

 

DiventaRivenditore

 

Diventare partner VOIspeed significa generare un nuovo business
grazie agli strumenti tecnici e commerciali messi a disposizione

Vuoi maggiori informazioni?

 

MaggioriInformazioni

 

Vuoi ricevere maggiori informazioni sui nostri prodotti e servizi o incontrare
un consulente specializzato per un preventivo su misura