Configurare il Mediatrix FXS Serie C7 per telefoni analogici

Gli apparati Mediatrix della serie C7 sono adattatori SIP ad interfacce FXS per l’integrazione di 4 o 8 telefoni analogici, secondo il modello, con il centralino VOIspeed. La seguente guida è valida sia per il modello da 4 porte che per il modello da 8 porte FXS.

PREMESSA

Come tutti i dispositivi certificati da VOIspeed, anche questo può essere configurato con la funzione di autoprovisioning che permette un notevole  risparmio di tempo ed evita di compiere errori di configurazione grossolani.

I dispositivi sono configurabili mediante un browser web; sono dotati di due porte Ethernet: la porta ETH1 è configurata per ottenere un indirizzo IP da un server DHCP attivo sulla rete locale, mentre la porta ETH2 è impostata sull’IP statico 192.168.0.10. Suggeriamo di configurare i dispositivi con l’IP dinamico riservando un’intero range per tutti i terminali. È dunque consigliata la presenza di un server DHCP sulla rete.

NOTA: nel seguito si utilizzerà infatti la porta ETH1 con IP dinamico, poiché permette di risparmiare qualche passo di programmazione. Per maggiori dettagli consultare il manuale completo scaricabile dal link in fondo alla pagina.

 ACCESSO ALLA CONFIGURAZIONE

Accendere l’apparato e collegare un cavo LAN alla porta ETH1, attendere qualche secondo finché il LED Ready diventa fisso. Con uno scanner di rete (ad es. netscan) individuare il dispositivo (MAC address del venditore: 00:90:F8); aprire un browser e digitare l’indirizzo IP trovato. Inserire lo username “public” senza password per accedere alla configurazione.

CONFIGURAZIONE PARAMETRI DI RETE
In questa sezione impostare i parametri di rete del dispositivo e i server NTP per la sincronizzazione dell’ora. Quest’ultimo è particolarmente importante ai fini di eventuali consultazioni dei file di log.

Per impostare un indirizzo IP statico Gateway e DNS impostare i campi Configuration Source su Static.

Default Gateway Configuration e DNS Configuration(opzionali): se desiderato, inserire gli indirizzi IP statici del gateway e del DNS sui campi Gateway e Primary/Secondary DNS.

Server SNTP: inserire l’indirizzo IP o l’URL di un server NTP seguito dalla porta 123 (es. europe.pool.ntp.org:123 oit.europe.pool.ntp.org:123 o time.nist.org:123).

Time Zone: per l’Italia, impostare il valore
WEST-1DWEST-2,M3.5.0/02:00:00,M10.5.0/03:00:00

NOTA: se nella rete è presente un server DHCP che può assegnare dinamicamente gli indirizzi IP ai terminali, è possibile saltare questa sezione.

network host

 

Solo se occorre assegnare un indirizzo IP statico al dispositivo seguire queste istruzioni, altrimenti Per assegnare o modificare l’indirizzo IP statico all’apparato, entrare nel menu Network – Interfaces.

Alla riga Uplink, assicurarsi che eth1 sia selezionata, IPv4 Static ed impostare l’indirizzo IP nel campo Static IP Address nel formato IP/subnet (slash notation) e lo Static Default Router (ossia il gateway del dispositivo).

network interfaces
NOTA: la porta ethernet associata all’interfaccia Uplink deve essere l’unica collegata allo switch, perché i pacchetti SIP passeranno attraverso di essa. In caso contrario, il PBX non riceverà né effettuerà chiamate.

Sugli apparati con doppia porta ethernet, la porta eth2 (chiamata Lan1) può essere impostata come desiderato (suggeriamo di lasciarla al valore di default).

Rescue Interface: è l’interfaccia di emergenza eth1 che si attiva con la procedura di “reset parziale” sull’IP fisso 192.168.0.1 (vedi prima pagina del manuale pdf). Deve essere disattivata in condizioni normali.

CONFIGURAZIONE PORTE ANALOGICHE FXS
Nel menu POTS – FXS Configuration, alla sezione Country Configuration impostare il parametro Override Country Configuration su Enable e il parametro Country Override Flash Hook Detection range a 50-150.

Se la pressione del tasto R non dovesse mettere in attesa la chiamata in corso provare ad impostare il parametro a 50-250.

IMPORTANTE: per il corretto funzionamento della funzione flash hook (la pressione del tasto R per mettere in attesa la chiamata corrente) è necessario caricare uno script di configurazione (vedi più avanti Impostazione tramite Script esterno)

Mediatrix_C7_hold-script.zip

Attenzione: un reset alle configurazioni di fabbrica del dispositivo renderà necessario caricare nuovamente questo file.

POTS-Configuration
CREAZIONE GATEWAY SIP

Nella sezione SIP – Gateways configurare la porta SIP locale del gateway associato all’interfaccia LAN di default eth1 (chiamata uplink).

La porta SIP di ascolto del dispositivo è la 5060. Lasciando il valore di default 0, il dispositivo utilizzerà la medesima porta. In ambiente Cloud, però, è consigliabile utilizzare porte non standard (ad esempio 5058 o 5141), laddove sui router le funzioni SIP ALG fossero involontariamente attive causando problemi.
Se la porta eth1 è collegata correttamente ad uno switch e le configurazioni del dispositivo sono state eseguite correttamente, lo stato del gateway risulterà Ready

CLOUD SIP-gateways
IMPOSTAZIONE DEI DATI DEL SERVER VOISPEED

La porta da utilizzare va osservata nella configurazione del PBX Cloud, alla sezione Strumenti – Info Config.

info config

 

Nella sezione SIP – Servers configurare i dati relativi al server VOIspeed Cloud.

Registrar Host: nome del dominio del PBX nel formato dominio:porta (es. mycompany.pbx:yyyy)

CLOUD SIP Servers
Note sulla configurazione delle porte SIP di destinazione (verso il PBX):

Ogni piattaforma VOIspeed utilizza porte SIP diverse da configuirare insieme agli indirzzi dei proxy dell’apparato e precisamente:

5060: piattaforma On Premises
5058: piattaforma Cloud
5141: piattaforma UCloud

Proxy Host: nome del dominio del PBX nel formato dominio:porta (es. mycompany.pbx:yyyy)
Messaging Server Host: non utilizzato. Lasciare al valore di default
Outbound Proxy Host: indirizzo IP del PBX (es. xxxxxxxx.cluana.com:yyyy)yyyy = porta SIP di ascolto del PBX. Inserire la porta in base alla piattaforma VOIspeed su cui si sta loggando l’apparato (vedi qui sopra)
INSERIMENTO DELLE CREDENZIALI DEGLI UTENTI
In questa sezione vanno attivate le porte FXS assegnate agli utenti che useranno i telefoni analogici. Ogni porta corrisponde ad un telefono analogico.

Configurare la tabella Endpoints Registrations per attivare le singole porte FXS del dispositivo:

Username: inserire lo username dell’utente VOIspeed
Friendly name: nome di comodo dell’utente (ad es. “nome cognome”)
Register: impostare su Enable
Messaging: non utilizzato. Lasciare su Disable
Gateway Name: lasciare su all

CLOUD SIP Registrations
Nella tabella Registration Configuration, impostare il valore della scadenza delle registrazioni.

Default Registration Refresh Time: 10
Proposed Registration Refresh Time: 120
Default Expiration Value in Registration: 120

Al termine delle impostazioni fare click suo pulsante Submit & Refresh.

Se la registrazione degli utenti è andata a buon fine, dopo aver completato anche l’inserimento delle credenziali rimanenti (vedi sezione successiva), nella tabella Endpoint Registration Status, si vedrà lo stato della registrazione su Registered.

 

In questa sezione vanno configurate le credenziali rimanenti per gli utenti FXS.
Per ogni porta FXS vanno configurati:Apply to: impostare Endpoint;
EndPoint: indicare la porta FXS;
Validate Realm: impostare su Enable.
Realm: impostare voispeed;
UserName: indicare lo username dell’utente VOIspeed;
Password: indicare la password dell’utente VOIspeed
CLOUD SIP Authentication
IMPOSTAZIONE CODEC
Abilitare il codec G.711 a-Law eG.729 e disabilitare tutti gli altri.

(NOTA: in caso di utilizzo di apparecchi FAX è possibile abilitare anche il protocollo T.38 purché l’adattatore di linea ISDN sia un Mediatrix con lo stesso protocollo attivo).

Disabilitare la funzione VAD in fondo alla tabella.

CLOUD media codecs
Fare click sul tasto edit in corrispondenza del codec G.711 ed impostare:

Voice priority su 1

Minimum Packetization time: 20ms
Maximum Packetization time: 20ms

Premere submit al termine della configurazione e fare click sul tasto edit del codec G.729

Enterprise Media Codecs G711
Impostare

Voice priority su 2

Minimum Packetization time: 20ms
Maximum Packetization time: 20ms

CLOUD Media codec G729
CONFIGURAZIONE TONI DTMF E SEGNALAZIONI NAZIONALI

Nella sezione Media – Misc impostare l’apparato per l’utilizzo dello standard RFC2833 per linvio dei toni DTMF.

Transport Method: Out-of-Band-using-RTP
Payload Type: 101

Nella sezione Telephony – Misc, impostare Country Selection su Italy1

Telephony Misc

Media Misc
IMPOSTAZIONE TRAMITE SCRIPT ESTERNO
Nel sito Voispeed è disponibile uno script (in formato testo) da caricare nel dispositivo per il corretto funzionamento della messa in attesa con li tasto R dei telefoni. Senza questa configurazione, ogni volta che un telefono analogico metterà una chiamata in attesa, la chiamata stessa verrà interrotta.

Per caricare il file occorre andare alla sezioneManagement – Configuration Scripts

Cliccare sul link Activate unsecure script transfers through web browser per attivare il trasferimento dei file direttamente attraverso la pagina web.

Mediatrix_C7_hold-script.zip

Attenzione: un reset alle configurazioni di fabbrica del dispositivo renderà necessario caricare nuovamente questo file.

configuration script
REBOOT DEL SISTEMA

Ad ogni modifica delle impostazioni vitali per il dispositivo, viene chiesto di riavviare il singolo servizio associato al parametro configurato. Sebbene sia possibile farlo, è consigliabile eseguire prima tutte le configurazioni e successivamente fare un reboot di tutti i servizi, entrando nella sezione System – Services e cliccando sul bottone Restart Required Services. Qualora fosse cambiato il parametro di un solo servizio è possibile riavviare solo quello, cliccando sul pulsante vicino l’indicazione Restart needed.

CONFIGURAZIONI PARTICOLARI LATO PBX

Nelle impostazioni del terminale associato al Mediatrix C7 (Menu Toolbox-Terminali), disattivare il supporto alloStandard Refer e al Click to call.

Scarica il manuale completo

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi diventare rivenditore?

 

DiventaRivenditore

 

Diventare partner VOIspeed significa generare un nuovo business
grazie agli strumenti tecnici e commerciali messi a disposizione

Vuoi maggiori informazioni?

 

MaggioriInformazioni

 

Vuoi ricevere maggiori informazioni sui nostri prodotti e servizi o incontrare
un consulente specializzato per un preventivo su misura