Il telefono DECT visualizza caratteri strani o non suona

Se all’arrivo di una chiamata il telefono visualizza caratteri strani, non suona, o si comporta in maniera anomala (ad es. e dopo la chiamata non si riprende più), è possibile che stia subendo un buffer overflow a causa delle informazioni sull’identità del chiamante che il PBX passa al telefono e che la base DECT passa inalterate. Questo fenomeno può accadere con telefoni diversi da quelli di sistema (es. Siemens/Gigaset).

SOLUZIONE

VOIspeed passa al terminale le informazioni del chiamante nel pacchetto SIP, esattamente nel campo FROM del pacchetto INVITE dell’INVITE inviato al terminale come ad esempio:

From: "Test 1234567890123456789012341 - Amministrazione"<sip:3434@tscommammi.cluana>;;tag=7E666E7D

Nel caso di chiamata interna il PBX invia una stringa del tipo “nome cognome  – reparto“, nel caso di una chiamata esterna di un contatto memorizzato in rubrica viene inviato “nome cognome – azienda“.

Ora se questa stringa ha una lunghezza maggiore di quanta ne può gestire il terminale, quest’ultimo può andare in overflow manifestando i sintomi già descritti.

Abbiamo visto che in diversi modelli Gigaset questo limite è di 41 caratteri. Poiché Spectralink non fornisce supporto su terminali non di sistema, l’unico modo per evitare il problema è di far sì che il numero totale di caratteri della stringa sia inferiore o uguale a 41 caratteri. Per fare ciò si può limitare il numero dei caratteri per il reparto (per le chiamate interne) e delle aziende (per le chiamate esterne).

No Comments

Post A Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Vuoi diventare rivenditore?

 

DiventaRivenditore

 

Diventare partner VOIspeed significa generare un nuovo business
grazie agli strumenti tecnici e commerciali messi a disposizione

Vuoi maggiori informazioni?

 

MaggioriInformazioni

 

Vuoi ricevere maggiori informazioni sui nostri prodotti e servizi o incontrare
un consulente specializzato per un preventivo su misura